WhatsApp, in arrivo nuove emoji inclusive per gli utenti dell’app



WhatsApp è un’applicazione che fa parte ormai da tempo delle nostre vite. La possiamo definire, a ragione, indispensabile sia in ambito privato, sia sul lavoro (chi ha una professione che ha a che fare con il mondo del web la utilizza quotidianamente per le comunicazioni con clienti e collaboratori).

Il suo utilizzo ha cambiato notevolmente il nostro modo di comunicare, rendendo quotidiano il ricorso alle emoji. Le chiamiamo in causa per esprimere i nostri stati d’animo e, quando vengono utillizzate nei messaggi da persone a cui teniamo, ci impegniamo per trovare significati nascosti.

Il modo di approcciarsi alle emoji è profondamente legato ai cambiamenti della società. Non a caso, quelle che verrannno introdotte nel 2022 rifletteranno, come puoi vedere nelle prossime righe, aspetti che, negli ultimi anni, sono diventati sempre più centrali nel dibattito pubblico.

WhatsApp: nuove 37 emoji nel 2022

Nel 2022, arriverano su WhatsApp 37 nuove emoji. Cosa arriverà di preciso sugli schermi dei nostri smartphone? Sei nuovi smiley innanzitutto. Avremo la possibilità di inserire, nei nostri messaggi, la faccina che si scioglie, ma anche quella che si guarda tra le dita. Da non dimenticare è anche lo smiley che fa il saluto militare.

Oltre ai già citati smiley, tra le emoji che arriveranno su WhatsApp ci saranno delle new entry relative al cibo, come per esempio i fagioli. Un doveroso cenno deve essere dedicato all’introduzione di oggetti legati al mondo medico, come per esempio la stampella e l’immagine della radiografia.

Tornando un attimo agli smiley, non si può non chiamare in causa l’arrivo su WhatsApp, per il prossimo anno, di alcuni gesti entrati ormai da tempo a far parte della nostra quotidianità. Si tratta delle due mani che formano un cuore, manifestazione d’affetto molto diffusa soprattutto tra i giovanissimi, nonché del volto che si muove le labbra.

Spazio all’inclusività

L’inclusività è un tema molto caldo negli ultimi tempi. Se ne parla in merito al genere, ma anche all’orientamento sessuale e all’origine etnica, senza dimenticare tutto quello che ruota attorno al mondo dei diversamente abili. L’attenzione al concetto sopra ricordato è sempre più preponderante da parte dell’app di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo.

Come annunciato dal consorzio Unicode – associazione tra le più importanti al mondo per quanto riguarda il lavoro quotidiano degli sviluppatori di software e hardware nonché realtà che ha ideato il linguaggio Unicode 14, punto di riferimento univoco per i segni grafici su ogni dispositivo – l’anno prossimo arriveranno su WhatsApp ben 75 nuove varianti relative alla tonalità di pelle. Complessivamente, saranno 112 le nuove faccine che sarà possibile scegliere per i propri messaggi.

L’inclusività è già da tempo al centro dell’attenzione dell’app dell’ecosistema Facebook. Chiunque utilizzi WhatsApp, infatti, ha notato la possibilità di scegliere il colore della pelle in diverse emoji, per esempio quella delle mani che applaudono. Un altro particolare che denota l’attenzione all’aspetto dell’inclusività è l’introduzione di coppie LGBT, nonché di individui con tratti somatici gender neutral.

Come ricordato nelle righe precedenti, non mancherà l’arrivo di emoji che non hanno nulla a che fare con temi sociali. A tal proposito, va citato il curioso ingresso di un troll che molti hanno paragonato a quello presente nei bagni femminili a Hogwarts nel primo romanzo del ciclo di Harry Potter.

Un doveroso cenno va dedicato anche a un “incubo” dei nostri tempi, ossia la batteria che si scarica (dopotutto, come già detto, lo smartphone con le sue tantissime app, tra cui WhatsApp, è un compagno irrinunciabile delle nostre vite).

Concludendo con un cenno all’aspetto dell’inclusività, non si può non rammentare che, tra le nuove emoji in arrivo su WhatsApp nel 2022, ci sarà anche il pregnant man. Non c’è che dire: la tecnologia e i linguaggi ad essa legati cambiano davvero di pari passo con la società e il pensiero.

Articoli simili

I più visitati